domenica 21 agosto 2011

Le favole delle Tiranna

Alla Tiranna piace quando il papà le racconta le storie che ci sono sui libretti.
Altre volte le leggo io le storie, ma a lei piace di più quando le invento, magari con i suoi peluches e ci inventiamo le storie.
Altre volte è lei che racconta le storie a me. Queste me le ha raccontate l'altro giorno, e io le dovevo scrivere. Sono un miscuglio delle storie che le ho raccontato, dei suoi pensieri e dei suoi desideri... Per questo mi piacciono tanto.

C'era una volta una principessa di  nome Gaia.
Un giorno va a vedere le sirene.
Poi incontra un pesce che le da una polvere magica per nuotare sotto l'acqua e nuotano insieme.
La Gaia sbatte contro qualcosa e vede che è uno squalo.
Lo squalo ha un nome lungo lungo, si chiama ALBERO (O.o)
La Gaia torna a riva e racconta ai suoi genitori che ha incontrato una sirena, poi un pesce che le da la polvere magica per nuotare insieme, poi sbatte contro qualcosa e scopre che è uno squalo che si chiama Albero.
Poi torna a riva e raccoglie le conchiglie per la mamma e per il papà

C'erano una volta Gaia e Samuel, che raccolgono conchiglie per Tora, Rey, l'Alessandro, la Camilla, e tutti i loro amici, e anche per la mamma e il papà. (ammetto che la lista era più lunga, ma mi sono persa pezzi per strada...)
Poi vanno e ne danno una per ognuno dei loro amici.

Una scimmietta piccola piccola stava passeggiando e incontra un grande animale che sembrava un leone, ma era solo un elefante.
Poi incontrò la sua mamma che le dice: "Vieni piccola che è ora di tornare a casa" 
E la scimmietta chiede: "perchè?"
"Perchè è ora di mangiare e poi di guardare i cartoni animati e andare a dormire"

5 commenti:

  1. che bello ci siamo anche noi nella lista delle persone a cui regalare le conchiglie :-)

    RispondiElimina
  2. ^__^ e subito dopo i gatti, posizione d'onore!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che dolce la Tiranna....

    RispondiElimina

Oggi ho letto una frase che mi ha colpito: Per ogni persona che posta un commento, ce ne sono 10 o 100 che non lo fanno perchè non hanno niente da dire o perché non lo avevano in quel momento.(Joshua Porter), ecco a me piacerebbe che tutti si sentissero liberi di dire qualcosa... e poi adoro i commenti!!