giovedì 30 giugno 2011

Amicizie al mare.

Siamo ormai in dirittura di arrivo, ultima giornata piena, domani sera verso le 9.00 caricheremo i nani sonnacchiosi in una macchina gia piena e affrontiamo le 3 ore di macchina che ci riporteranno alla nostra routine.
Da una parte mi dispiace, giornate vuote con il solo pensiero del trenino che ci portava in spiaggia, sole, sole e ancora sole, baby dance la sera e gonfiabili subito dopo cena.
Si era creato anche qui un  rassicurante tram tram che riempiva le nostre giornate.

Dalla nostra 2 vacanza in 3 (la prima era quella fallimentare nell'orrido albergo decadente) abbiamo sempre avuto dei bambini  vicini con cui la Tiranna,da pessima trentina (a differenza di quello che si  dice di noi,non è per nulla orsa, e scontrosa) ha stretto amicizia.
Quest'anno non  è stato da meno. La prima settimana è stata un po' atipica, l'arrivo dei nonni ha scombussolato i nostri piani di socializzazione Tiranna, che si è rifugiata nel cando abbraccio nonnesco a farsi coccolare e viziare.
La seconda settimana, quando i vecchi vicini impacchettavano le loro cose, ci siamo messi a sbirciare i  nuovi arrivi con un briciolo di apprensione, " e se sono grandi/ vecchi/stranieri/antipatici??
Così quando tornando dalla piscina abbiamo visto al nostro fianco una bicicletta rosa di taglia 4enne e una schiera di animaletti in bella vista sul tavolo esterno, abbiamo esultato silenziosamente.
La Tiranna aveva potenziale compagnia.
Quello che non sapevamo era che si sarebbe trovata talmente bene che praticamente si è trasferita.
I suoi genitori hanno accettato subito questa invadente quattrenne che gira per il loro mini chalet dalla mattina alla sera.
La ricciola Camilla è la perfetta controparte della Tiranna, simpatica,carina, chiacchierona e amante degli animali.
Mi si spezza il cuore al pensiero che da domani non si vedranno più.....

martedì 28 giugno 2011

Book fotografico, seconda parte....

Come avevo promesso, le foto della nostra casetta tascabile!


Appena dentro; stanza nani/soggiorno/disbrigo/tutta la casa:


Bagno con doccia e tazza incorporate O.o della serie "non si perde tempo!"

Cucina, con frigo ad altezza vichingo, ci ha lasciato il cuore, potersi svegliare la mattina e aprire il frigo non ha prezzo!

Camera nostra/ripostiglio

Il Vichingo in versione Maestro Yoda
 .... e in versione Obi Wan

La tiranna in versione temeraria



e versione ballerina.... quello che sullo sfondo scende le scale incitando un bambino a seguirlo, è il vichingo....
video

lunedì 27 giugno 2011

2 bestioline acquatiche

Non ce n'è più per nessuno, la Tiranna e il Vichingo si sono trasformati in 2 creature anfibie che vivono a stretto contatto con l'acqua.
Della Tiranna non si avevano dubbi, da quando a 4 mesi l'abbiamo portata per la prima volta al corso di acquaticità è stato chiaro che quello era il suo ambiente.
Ora il suo obiettivo è imparare a nuotare, e vederla sbracciare, e restare a galla, per qualche secondo nell'acqua alta prima di dover essere tenuta a galla mi riempie di orgoglio.
Non ha per niente paura dell'acqua, sogno che un giorno anche lei farà delle gare con qualche società, non per vederla vincere, ma perchè vorrei che le sue giornate siano scandite da altro che dal solo studio, e poi fare sport è un modo perfetto per tenersi fuori dalle cattive compagnie e dai guai.
Il Vichingo, dopo un'inizio stentato, ha scoperto di adorare l'acqua tanto quanto sua sorella... c'è solo un problema, odia salvagenti e affini, e mal sopporta le nostre mani che lo sorreggono, la sua idea è andare nell'acqua (fonda) senza sostegni... decisamente fuori discussione!

domenica 26 giugno 2011

La prima settimana di mare è passata





La piscina preferita dalla Tiranna


Il mare, la spiaggia, secchielli e palette



i gonfiabili






il parco, i giochi e la fontana





La piscina preferita del vichingo

Il ballo




Arriveranno anche le foto della nostra scatoletta!!

giovedì 23 giugno 2011

Piscina e formiche

Dopo un'inizio incerto il Vichingo ha sentenziato:
Il mare è nostro amico
La piscina è nostra amica
La doccia no... quella è ancora nemica, ma veniamo a patti  purchè sia veloce si accetta come parte della vita!
Non ha ancora capito il meccanismo che, per andare sotto acqua la bocca è meglio chiuderla, ma ci stiamo lavorando.
La Tiranna adora che ci sono i nonni, sono anche piuttosto vicini e può arrivare al loro camper da sola.

La Tiranna è amica delle formiche, ha detto che parla anche il formichese.
Stasera le ha nutrite con prosciutto e melone, oltre i vari avanzi che il Vichingo lancia dalla sua postazione.
L'altro giorno una formica morta è stata anche invitata a pranzo da noi, ci ha fatto compagnia mentre mangiavamo.
Credo che qui a fine vacanza troveranno una nuova specie di formiche, le formiche obese....

mercoledì 22 giugno 2011

cronache dal giorno 4

Cosa ci piace del mare:
Alla mamma piace:
La vita da camping, girare in costume tutto il gg mi gasa.
La piscina con l'acqua che pare brodo.
Il negozietto con prezzi umani.

Al papà piace:
La palestra.
La sveglia spenta.

Alla Tiranna piace:
Il parco con i gonfiabili
La piscina con gli atolli
La piscina con il ponte.
Mangiare in cortile.
I nonni che sono venuti a trovarla.
La spiaggia.
Il mare con le onde.
Il parco giochi a 5 passi da casa.
Il mini club.
Le giornate in piscina.
La baby dance.
Il tappeto elastico.
Il trenino per andare in spiaggia.

Al nano piace:
Il frigo alla sua portata.
La piscina ad altezza nano.
Le onde del mare da cui scappare.
La baby dance.
Il tappeto elastico.
Il pasto libero a qualsiasi ora del giorno.
Il gelato serale.
Il parco giochi con la sabbia.
I giochi con l'acqua.
Il budino dentro il frigo.
Il parco con i gonfiabili e le palline.

Alla mamma e al papà non piace:
Dover scavalcare il divano letto della tiranna per andare in bagno.
La sabbia che si infila ovunque.
Le padelle del 12.

Alla Tiranna non piace:
Andare a dormire il pomeriggio.
Camminare per tornare a casa quando ha finito di giocare.

Al Vichingo non piace:
Lavarsi con la doccia.

Direi che la vacanza per ora sta andando bene.

Presto ci sarà il post fotografico.

Appunto del giorno:
L. sta rivalutando l'idea di comprare una roulotte, ora serve un'idea possibilmente a costo zero per il parcheggio mentre non si usa.

Comunicazione di servizio:
avete visto? Owl ha fatto il bannerino per l'angolino!! sono troppo contenta!!

martedì 21 giugno 2011

Personaggi da mare

Immaginate un palco, quello del campeggio. Una specie di arena con un palco in fondo e le gradinate tutte intorno.
Immaginate che in quel palco ci sia qualche bambino che saltella, in attesa dell'inizio della Baby Disco.
Immaginate bambini che si muovono più o meno scoordinatamente a ritmo di musica.
Immaginate una quattrenne, che solitaria sul palco accenna passi di danza che solo lei conosce, immaginatela mentre rotola e sorride al suo pubblico....
Ecco avete conosciuto la Tiranna.

Ora immaginate un bambino di 18 mesi.
Immaginatelo mentre corre per tutta l'arena, cantando una cosa che suona più o meno così:
TATA TATTATATATA ATTAATATTATATA
Immaginatelo ora mentre si ferma sotto le scalinate.
Immaginate il suo sorriso a 12 denti e mezzo.
E immaginatelo mentre alza la mano e saluta il suo pubblico.
Ecco avete conosciuto il Vichingo

lunedì 20 giugno 2011

.... quando, la Tiranna, ha deciso di togliere il pannolino

Questa volta niente pacchettino arrivato per posta, solo una mail,
una coloratissima mail che chiedeva aiuto alle mamme.
Pronti! no??
Basta chiedere!
Solo che questa volta non è stato tanto semplice trovare il tempo.
Ma noi, quando vogliamo fare qualcosa lo facciamo.
Giusto no?
Come togliere il pannolino, perchè era di questo che si tratta,
parlare delle nostre esperienze sullo svezzamento da pannolino.
Stavo quasi quasi per accantonare il tutto, non è il momento, non ho
tempo, non ci voglio pensare per almeno un'altro anno.
Però lo ho già visto, un anno vola, e è subito qui.
E poi lo ho già fatto no?
Eh si perchè poco più di un anno fa abbiamo tolto il pannolino anche
alla Tiranna.
Così mi sono guardata i 4 video, girati grazie all'aiuto di una famosa
pedagoga, che Huggies ha messo a disposizione di noi mamme.
L'ho trovata una trovata davvero molto bella.
Ricca di consigli interessanti per dire addio al pannolino!
Ho faticato un po' a scegliere uno, tra i 4 spot, tutti a modo loro,
sono interessanti, tutti sono da vedere, contengono tantissimi spunti.
Ma credo che uno in particolare mi appartenga più di altri.
Questo:

QUANDO iniziare a usare il vasino!
La domanda del secolo!
Praticamente a tuo figlio non è ancora caduto il moncone ombelicale,
tu sei ancora con i punti che ti tirano e ti impediscono di sederti
con tutto il culo appoggiato alla sedia, che già, una prozia arriva,
guarda tuo figlio, fa un sorriso e poi ti chiede:
"Hai gia iniziato a insegnargli a usare il vasino?"
Si perchè non è mai troppo presto, ci sarà sempre la sorella, della
cugina della nipote della vicina di casa, che ha iniziato prima.
Poi ci si mettono anche le nonne, tua mamma, quella che di norma, non
è che dovrebbe proprio remare con te, ma perlomeno da contratto, non
remarti contro, e invece lei con aria candida ti dice: "Si però tu
alla sua età già non lo usavi più il pannolino..."
E li, ti trovi un po' in conflitto tra l'orgoglio di dire "sono
proprio stata brava" e li pensare "Ma che caspiteronzoli avevo?? non
potevo aspettare?"

Per fortuna poi è arrivato questo video che, ti salva e ti dice che
l'età giusta è dai 2 anni al 3 anni e mezzo!
E sei contenta!

Con la Tiranna, togliere il pannolino non è stato difficile, o meglio,
lo abbiamo fatto senza ansie.
Il primo, fallimentare tentativo è stato nell'estate del 2009 quando
aveva appena compiuto i 2 anni.
Tolto il pannolino, le ho spiegato che doveva venire il bagno quando
le scappava.
Lei seria, ha annuito.
Io fiera l'ho lasciata andare.
Lei è andata in camera a segnare il territorio sullo stipite della porta.
Per poi correre via e scivolarci in mezzo.
Abbiamo evitato il trauma cranico per un soffio.
Decisamente, non mi sembrava pronta.
Abbiamo deciso di provare al mare.
Ma abbiamo rischiato una denuncia a causa della spannolinata folle,
che correva tra gli ombrelloni disseminando liquidi corporei.
Abbiamo rimesso alla nana il costumino imbottito, prima che la sua
foto comparisse di fianco a quella barrata del cagnolino.
Il tentativo numero 3, fatto, nel marzo successivo, quando gli anni
della Tiranna erano ormai più vicini ai 3 che ai 2, è andato invece
decisamente meglio.
La Tiranna era semplicemente pronta, le abbiamo detto che il pannolino
andava tolto, che lei era grande, che le mutandine erano più comode, e
che senza pannolino avremo anche iniziato a usare la canottiera, come
i grandi, invece che il body.
La cosa le è piaciuta e, nel giro di 3 giorni il pannolino è stato tolto.
Una settimana dopo non lo usava più neanche di notte.
E' stata una sua iniziativa, perchè come diceva lei, ormai era grande.

Quando un bambino è pronto?
Analizziamo i punti.. vediamo se siamo stati bravi:
Pannolino asciutto al mattino: e gia qui casca l'asino!
La Tiranna è un'irriducibile pippitrice notturna, avessimo aspettato
quello! Però è brava, si sveglia e ci chiama!

Fastidio per il pannolino bagnato: mmmh questo magari funziona con i
pannolini lavabili, quelli che usa il Vichingo e che usava anche la
Tiranna assorbono pure una piscinetta di medie dimensioni prima di
cedere.....

Sta seduto e fermo per un po'.... si dai, su questo ci siamo! purchè
seduti e fermi si sta ad ascoltare una favola....

Interesse per il bagno: Ai voglia! quello da sempre! Il bagno è la
stanza preferita di entrambi i nani... che voglia dire che pure il
Vichingo è pronto?

Vuole emulare gli altri bambini: Passo, i miei sono spiriti ribelli,
se si tratta di emulare il gatto che beve leccando il rubinetto del
bidet si! per il resto.... nulla sul fronte!!

Si sente gratificato quando usa il vasino:pure troppo! più di una
volta, abbiamo dovuto mostrare ai nostri ospiti quanto era stato
appena prodotto.
Fortuna che i nostri ospiti sono al 95% altri genitori.

Si trattiene e chiede di andare in bagno: mmmmh si decisamente!

Ok! con la Tiranna abbiamo fatto un buon lavoro.
Voi?

Facebook
Twitter

domenica 19 giugno 2011

Vacanza! giorno uan!

E fu così che la Happy Family, a dispetto delle più nere previsioni arrivò al mare!
Siamo partiti alle 5.00!
Come li carichiamo in macchina i nani sono svegli e attivi.... Male molto male....
Dopo le 5.40 crollano, nell'ordine prima la Tiranna, e poi, dopo essersi tolto i calzini e giocato con un innaffiatoio che avevo nella borsa, ha abbandonato anche lui la nave... Bene, molto bene....
Hanno dormito fino al parcheggio del campeggio.... Benissimo!!
Il nostro mini chalet è bellissimo! grande come una scatoletta di tonno ma troppo carino!
Poi è vicino al parco, al mini club e alla piscina.... che con la Tiranna non guasta.
Il tempo è bello!
Le piscine sono splendide.
Il Vichingo adora il mare.
Ha passato 2 ore nell'ambizioso tentativo di svuotare la spiaggia lanciando pugni di sabbia in mare.
Per ora non ci è riuscito, ma abbiamo 2 settimane, si accettano scommesse.
La nana ha gia fatto amicizia, o meglio ha abbordato 2 bamb ehm ragazzi in spiaggia, avranno avuto sui 12 anni, e lei, giocava a fare castelli con loro.
Zanzare per ora, niente.

sabato 18 giugno 2011

Si parte

Ci siamo!!!!
Ci siamo davvero!!
Le borse sono piene, la macchina è stracolma, ci sta a mala pena il posto per noi 4.
I gatti sono piazzati, viene lo zio L. a nutrirli.
Un po' mi dispiace ma alla fine, mi sa che sarà una vacanza anche per loro, in pace, senza bambini urlanti che li inseguono.
Abbiamo tutto?
Vestiti, asciugamani, giocattoli, secchielli e palette, macchina fotografica, pastelli e colori, qualche medicina, un paio di felpe, costumi, creme solari, calzini e scarpe da ginnastica, infradito e antizanzare.... e e e....
E' tutto il giorno che riempiamo borsoni e borsette, sacchi e scatole.
Ora la macchina è chiusa, manchiamo solo noi.
Domani mattina alle 5.00 si caricano i nostri pensieri e si parte per 2 settimane di mare.

PS. abbiamo la chiavetta, quindi ci sono, a pezzi, non totalmente ma ci sono!!
Mio fratello, ha capito che io senza pc non vado da nessuna parte!  Grazie!!

venerdì 17 giugno 2011

Il salutatore molesto

Mi sono accorta di una cosa:
Parlo tantissimo della Tiranna e poco  del Vichingo.
Non che sul Vichingo non ci sia niente da dire, anzi, solo che lui è da vivere!
In questi giorni è in piena, piuttosto imbarazzante fase "ciao"
Visto che il suo ricco vocabolario, a dispetto dei suoi 17 mesi è fermo a urli e grugniti non dice "ciao"
Lui saluta con la manina.
In pieno stile Elisabettiano, alza la manina al cielo e la rotea a destra e sinistra.
E saluta TUTTI con molta insistenza.
Per strada, il Vichingo punta le sue vittime, importa poco che siano appiedate o motorizzate, lui, come un predatore, le vede e le punta.
Alza la mano, fissa negli occhi e parte con suo saluto elisabettiano.
La gente, di solito, sorride e risponde al saluto.
Il vichingo allora ci pensa un secondo, rialza la mano e saluta, di nuovo.
E la gente sorride, mi dice che è molto educato, e saluta.
Il Vichingo, non contento, rialza la mano, rotea la mano e saluta, di nuovo.
La gente a questo punto di solito, pensa di andarsene.
Il Vichingo allora li insegue, salutando.
E la cosa continua finchè non trova una nuova preda.

Mare mare mare....

Pare vero.
Dopo innumerevoli malattie, ripensamenti e drammi personali, domenica forse, se tutto va come deve e i nani rimangono sani e L recupera la voce dispersa in qualche profondo baratro (era giu che faceva compagni a al mio umore nero petrolio) si parte!
Destinazione Lidi Ferraresi.
Della serie, noi, il campeggio e le zanzare killer di quelle zone.
Me le ricordo dall'infanzia, quando ci andavamo con mia cugina e sua mamma.
Le cose che mi sono rimaste impresse di quelle vacanze, sono:
1. i piatti di nonna Rosa. Se c'è una nonna da adottare è lei, bolognese Doc, qualsiasi piatto passato sotto le sue abili mani diventa un capolavoro.
2. Alex il mio irraggiungibile amore estivo, lui milanese, io trentina.
Bello come il sole, ho passato un inverno a maledire la distanza che c'era tra noi.
Mi immaginavo a camminare tra le vie di Milano, mano nella mano con lui. Insieme per sempre.
Un bellissimo ricordo, finche, non mi ha ritrovato l'anno scorso si face, stesso personaggio, uguale nonostante i 15 anni passato.
E una domanda che mi gira nel cervello: "ma cosa ci trovavo in lui??"
Certe cose sarebbe meglio lasciarle nei ricordi e basta.
3.le zanzare. Sui Lidi Ferraresi non hanno zanzare hanno armi di distruzione di massa!
Immagino di aver perso più sangue in una serata in piazzetta che avevo dimenticato l'Autan che in anni di donazioni per l'Avis. E le zanzare, una volta finito di prosciugare tutte le tue risorse non si preoccupavano neanche di offrire un panino.

Mi auguro le cose siano cambiate, sono curiosa di rivedere quei posti con occhi diversi, più adulti.
Rivedrò anche i miei mezzi parenti bolognesi, che non vedo da anni, e sono felicissima! Conosceranno la Tiranna e il Vichingo!

Ieri, ho detto alla Tiranna di preparare una borsa con i giochi per il mare, quello che vuole portarsi dietro, che ormai è grande e ci deve pensare lei.
Ha  passato una mattina a riempire il suo zainetto, e poi lo ha messo davanti alla porta.
Le ho detto che era presto, si partiva solo dopo qualche giorno, e lo ha portato nella sua cameretta.
Stamattina me lo ha portato nel letto, mi sono svegliata con il suo zainetto praticamente in faccia.
Lo ha riempito da sola e per lei è importante.
Prima, lo ho aperto.
Nello zainetto dei giochi della TIranna, ci sono:
-matite colorate e pennarelli;
-un blocco do fogli per disegnare;
-4 dei suoi cavalli;
- paletta, rastrello e formine;
- La piantina della stelle, una specie di planetario, che non so il perchè, adora.
Sono belli i tesori di una quattrenne.

giovedì 16 giugno 2011

E' nato l'angolino

Facciamolo!
Come un cerotto e via! Mi tolgo il pensiero!!
Qualcuno lo sa gia, altri hanno odorato qualcosa nell'aria. Leggendo i commenti che ci siamo scambiate Own ed io,si capiva che avevamo qualcosa che ci bolliva in pentola.
Ed ecco la cosa che bolliva in pentola, Il nostro angolino!!

Mi rende un po' nervosa questa cosa, prima di tutto perchè riguarda non solo me, il nostro angolino è uno spazio condiviso dove nascono storie e favole!
Come tutte le cose speciali è nato per caso, da un commento, da una mail, da un'idea.
Own, se non la conoscete è una ragazza dolcissima, che incanta con dei disegni magnifici, e tutto è nato da questo, da quanto sono rimasta incantata dai suoi disegni...
Mi sento davvero fortunata che mi ha seguita in questa folle nuova avventura.

Abbiate pazienza, :) so che posso fare di meglio, ma tra malattie e malattie e altre malattie, la settimana è stata un po' pesantina!
Di contro le tavole sono splendide!
Così eccolo!
Il nostro angolino speciale.

mercoledì 15 giugno 2011

si cambia!

Siamo alle solite, ormai ho il tocco clinico.
Mi accorgo se il Vichingo ha la febbre solo guardandolo, sentendo il respiro, con una carezza veloce.
E così ieri pomeriggio, quando si è svegliato dal suo pisolo pomeridiano, mi sono accorta che aveva le gambine calde.
Merda!!!
Possibile??? Ancora??
Ok! non febbre, alterazione, 37,1.
Ma la sostanza non cambia, non sta bene, non è in perfetta forma, di nuovo, di nuovo e di nuovo!!!
Così ho 2 scelte:
O disdico il soggiorno di 2 settimane sul Lidi ferraresi e prenoto 2 settimane a Lourdes.
O telefono alla pediatra.
Visto il rapporto pessimo che ho con qualsiasi simbolo della cristianità opto con la seconda.
Per poi ricordarmi subito dopo che ho un rapporto altrettanto pessimo con la medicina allopatica.

La pediatra, che per inciso aveva visitato il Vichingo il giorno prima, e ci aveva liquidati dicendoci che si trattava di qualcosa di virale e non preoccupante, ci prescrive, per sicurezza, un ciclo da 3 giorni di antibiotico.
Rimango di sasso.
Come antibiotico? Non era virale?
Le faccio notare, per l'ennesima volta, che a me, non sa normale riempire i miei figli di antibiotici ogni volta che cambia il vento.
Mi dice che certi bambini sono così, l'annata è pesante.
Sarà mica che l'annata è pesante perchè a forza di antibiotici il sistema immunitario dei miei figli è andato al becco?
Così mi ritrovo col solito dilemma.
Antibiotico si o no? Glielo do o faccio di testa mia?
E se poi peggiora perchè faccio come dico io?
E se....?
E se.... l'antibiotico stavolta se lo è preso di nuovo.
Ma pazienza.
Da luglio si cambia registro.
Si cambia pediatra, e si cambia vita!

martedì 14 giugno 2011

Ci facciamo sto aerosol?

Ieri visita dal pediatra.
La Tiranna ha un po' di tosse, aerosol , e volte al giorno.
Il Vichingo ha qualche lontano rimasuglio di bronchite, aerosol 2 volte al giorno pure per lui.
Bene.
Anzi male, molto male.
Fare l'areosol alla Tiranna, significa dirle di sedersi sul divano, accendere la Tv farle vedere i suoi cartoni mentre la macchinetta verde fa il suo dovere.
5-10 minuti dopo, si spegne il tutto e si aspetta la prossima tornata.

Fare l'areosol al Vichingo significa.
-preparlo mentre lui è distratto a fare altro, altrimenti prende tutto e lo butta per aria,
- riempirlo di nascosto, come percepisce presenza di acqua, una forza oscura lo spinge a metterci dentro le mani, riesce a bagnarsi più lui con mezza tazzina di acqua che la Cagnotto alla fine di una gara.
- posizionare l'aerosol sul tavolino.
- aspirare 2-3 volte, cercare la calma interiore, per essere pronti alla battaglia.
- sistemare la seggiolina, cercare dei giochi e metterli a portata.
- fare altri 2-3 respiri, resistere alla tentazione di mettere tutto via.
- chiamare il Vichingo che, ovviamente è l'unico momento che se ne gioca tranquillo per i fatti suoi.
- il Vichingo arriva, vede l'aerosol e cerca di prenderlo, lo rovescia e metà acqua cade fuori.
-riempire di nuovo l'aerosol con nano stavolta in braccio.
- posizionare l'areosol sul tavolino, il Vichingo sulla sedia, i giochi intorno a lui.
- Il Vichingo sta seduto, bene.
- accendere l'areosol.
-il Vichingo si mette in piedi sulla sedia,
- seguire con la mascherina i suoi movimenti, constatare che i primi 30 secondi promettono quasi bene.
- constatare che allo scoccare del 31  secondo il vichingo è stufo di fare l'aerosol.
- cambiare mascherina per distrarlo.
- cantare canzoni inventate, battendo pennarelli sul tavolo a ritmo di musica.
- inseguire il Vichingo che si sta divincolando.
- placcarlo per tenerlo fermo.
- finire l'aerosol, mentre il Vichingo singhiozza inconsolabile, girando la testa a 360 gradi, pur di non tenere la mascherina davanti alla faccia.

Ogni volta che il Vichingo fa un colpo di tosse a me viene l'orticaria, al pensiero dell'aerosol.

lunedì 13 giugno 2011

Non gira

Oggi non gira per niente bene.
Ieri sera il Vichingo aveva la febbre.
A 38 quindi alta, niente asilo e mattina dal pediatra.
Questa mattina la Tiranna tossiva, parecchio.
Niente materna e visita dal pediatra anche per lei.
Quindi stamattina ho portato i 2 nani malati dal dottore.
E mi sono resa conto che sono sempre dal dottore.
Perchè sono sempre malati? Che cosa sbaglio?

Il Vichingo è guarito dalla bronchite, ma si è preso qualche altro virus vagante.
Il millesimo della serie.
La Tiranna ha un po' di raffreddore.
Per ora.
Non ho tempo per fare niente men che meno per mettere a posto casa, e preparare le valige.
Prepararle per cosa poi? per scoprire venerdì che si sono presi qualche altro tipo di germe?
Magari il morbillo, o la bocca mani piedi, o la scarlatina, o una banale influenza intestinale?

Sono stufa di non poter programmare niente da qui a 1 giorno perchè succede sempre qualcosa.

Come se non bastasse il resto anche blogger ci si mette a prendere in giro.
Visite, finalmente visite!
Ero contenta perchè finalmente le visite aumentavano.
Prima di scoprire che blogger era impazzito e conteggiava visite inesistenti.
Pazienza. Un altro errore.
Decisamente oggi non gira.

domenica 12 giugno 2011

Allora???

Ancora non siete andati a votare???
COSA ASPETTATE??
UNA CENTRALE NUCLEARE SOTTO IL CULO
NON LA VOGLIOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

sabato 11 giugno 2011

é qui la festa??

Il giorno della festa è arrivato!
E ora mi sento un po' svuotata come sempre, alla fine di una cosa che stai preparando da un po' di tempo.
Si, è vero, non ci sono stati grandi cose, ho delegato tantissimo, e devo ringraziare la nonnanonno che ha preparato una buonissima torta sacker e dei brownies buonissimi ma con l'apporto calorico di un camion di zucchero e la mitica Amica Lu che ha preparato le pizzette, fantastiche, ne ho assaggiata una prima che si smaterializzassero.
Sulle prime sono stata presa da un'attacco di ansia pura, Jenny, la mamma dell'altro festeggiato, è arrivato alla sala prima di noi, mi chiama, per dirmi che la sala è uno schifo, piccola, sporca e puzza.
No panico....
Ho solo un numero variabile di invitati da 20 a 30 da stipare da qualche parte...
C'è bisogno di farsi prendere dall'ansia?
C'è bisogno di andare in iperventilazione?
C'è bisogno di assumere la gradazione cromatica di un vampiro?
Per fortuna, mi avverte subito che si è accorta che c'era un altra sala, che non aveva notato....
Festa salva, e prete che ci ha dato la sala, salvo!
Non so quante persone c'erano, parecchie.
I bambini si sono divertiti tantissimo, hanno giocato nella piscina con le palline, nella tenda, nei tunnel, e hanno fatto le corse nel cortile, per fortuna la giornata ha minacciato pioggia per tutto il tempo ma alla fine ha retto.
Pensavo di organizzare giochi, di dover intrattenere i bambini, ma si sono intrattenuti da soli, hanno giocato, mangiato e riso tantissimo.
La Tiranna, con le sue 2 amichette della materna è uno spettacolo.
Mi chiedo se, crescendo manterrà queste amicizie, lo spero perchè sono uno bel gruppetto,variopinto soprattutto, si va dalla nera nera(l'amichetta del Mali) alla bianco-latte (la Tiranna).
Mi dispiace, perchè come sempre, in queste occasioni, non si riesce a parlare con nessuno, ho la sensazione di avere un po' snobbato le altre mammine, saltellavo avanti e indietro, intavolando mezzi discorsi.
Nota negativa della giornata....
Il Vichingo ha la febbre, ma mi  sto autoconvincendo che quei 6 gradi sono solo una leggera alterazione....

venerdì 10 giugno 2011

compleanni, feste e malattie

Eccoci!
Passato il compleanno della Tiranna.
Passata la festa al nido del Vichingo.
O meglio passata la giornata, La Tiranna ha ormai 4 anni, ma la festa si terrà domani.

Mi sono dovuta arrendere all'evidenza.
Piove.
Piove da una settimana e più, e è difficile che entro smetta e splenda un sole talmente splendente da asciugare quella palude che è sorta al posto del parco.
Quindi ho prenotato una sala.
Non la ho ancora vista, perchè sono da lunedì semi tappata in casa con un nano febbricitante.
Ha una leggera bronchite, ma ho avuto l'ok dal pediatra (o meglio, ho estorto l'ok dal pediatra, e potrà venire anche lui alla festa.
Pare comunque che la sala sia piuttosto grande, con 2 stanze, e un cortiletto interno, nel caso il sole decidesse di splendere per un pochino.
Pare anche che saremo in abbastanza, non ho ben presente, ma se tutti quelli che hanno detto che vengono , vengono, circa 35, se poi vengono anche i "forse" arriviamo ai 50.
Poi siamo gemellati con il compleanno del piccolo Mirco, quindi la festa raggiungerà le.... oddio le troppe persone!!
Devo smettere di invitare tutti!!!
Scena di ieri.
Passeggio con il Vichingo, approfittando degli unici 10 minuti di sole della giornata e mi viene in mente che non ho chiamato un'amichetta della Tiranna, per invitarla alla festa.
Non un'amichetta intima, ci siamo viste 2 volte, ma avevo detto alla sua mamma che l'avrei invitata, quindi prendo il cellulare.
Ho la pessima abitudine di segnare in rubrica le mamme con il nome del figlio, perchè, spesso le mamme, non so come si chiamano.
Ok. Prendo il telefono e chiamo.
DRIIIIN
"Pronto?" Risponde una voce maschile, cazzo, questo non me l'aspettavo!
"Ciao! sono Stefania, posso parlare con... "con?? con chi voglio parlare?? "con... tua moglie... credo... o insomma la mamma di E. che non so come si chiama..." Ok sto passando per pazza...." di solito so con chi voglio parlare... ci vediamo al parco... insomma, c'è??"
Per fortuna me la passa e decidono di non chiamare l'ambulanza per internarmi.
Certo che si ricorda di me! (è gia qualcosa)
E dice che verranno volentierissimo alla festa.
Per chi ci sarà, sarà facile riconoscerli, sono quelli che vengono in ambulanza accompagnati dai barellieri,nel caso, nascondetemi.....
La festa al nido è andata una bellezza, purtroppo pioveva (lo ho gia detto?? che piove da una settimana!!) e l'abbiamo fatta dentro, era un caldo che pareva di essere in sauna, ma ci siamo divertiti.
La Tiranna è venuta con il suo nuovo vestito da fatina (presto metto le foto), alle maestre abbiamo regalato delle collane fatte a mano e abbiamo letto una storia (non mi sono mai vergognata tanto!!!) che presto vi farò leggere!
Per il resto... Piove.....

giovedì 9 giugno 2011

Una mamma lo sa

Dove eravamo rimasti??
Ah si!!

L. in 3 minuti netti, è riuscito a vestirsi, prendere, la macchina, attraversare la città e correre al mio fianco per appoggiarmi una mano sulla spalla.
Mi sono trattenuta a stento dal morderlo e gli ho semplicemente detto: "NON OSARE TOCCARMI!"
Così L. è stato relegato dietro la mia testa, dove aveva il permesso di detergermi la fronte per brevi attimi prestabiliti.
Le contrazioni erano insopportabili, il male,mi tagliava in 2, e le contrazioni erano talmente vicine che non ne finiva una prima che ne partisse un'altra.
Mi sono trasformata in una posseduta, incazzata col mondo, e soprattutto con quella cosa, che mi stava tagliando in 2 da dentro.
Mi chiedevo come avrei mai potuto amarla dopo quello che stavo passando.
Ho tentato di corrompere l'ostetrica dicendole che, se me la toglieva immediatamente da li, poteva pure tenersi mia figlia, perchè io non la volevo più.
Non ha accettato, sospetto perchè il contrabbando di bambini non è una pratica molto ben vista.
Mi hanno detto che mancava poco, si vedevano i capelli, poche spinte e avrei visto mia figlia.
Io spingevo e intanto mi auguravo che a nessuna delle persone presenti, venisse in mente di appoggiarmela sulla pancia, perchè io quella cosa addosso non la volevo, e l'avrei buttata per terra.
Poi il tempo si è fermato.
Non c'era più niente, non c'era il male, non c'erano i dottori, c'era solo lei.
Piccola e bellissima, rossa, sporca di sangue e perfetta.
Come l'ho vista mi sono resa conto che era lei, l'avrei riconosciuta tra mille, me l'ero immaginata tante volte, ma era talmente lei da togliere il fiato.
QUando me l'hanno messa sulla pancia, non ho pensato di buttarla per terra, non ho pensato al dolore, non ho pensato a niente, ero rapita da lei, e piangevo.
Anche L. dietro di me, piangeva, e io ci ho messo un po' a capire, non lo avevo mai visto piangere.
CI hanno lasciati insieme per un'oretta prima di portarla a lavare e pesare.
In quell'ora tutta per noi 3, non è nata solo mia figlia, è nata tutta la Happy Family.

Sono passati in un soffio questi 4 anni, ogni volta che ripenso al nostro primo incontro mi manca il fiato, è stato un colpo di fulmine, mi sono innamorata della Tiranna all'istante.
4 anni di Tiranna







Auguri amore mio.
Per i tuoi magici primi 4 anni!